Skip to main content

Blog entry by Alessandro Giovanazzi

Growing people, not users

Da tempo rifletto su quanto il sistema economico rischi di "inquinare" il sistema educativo. 

Concetti come User Experience, Customer experience, (etc, etc) ci insegnano che entrati nel mondo del lavoro il rischio di smettere di guardare le persone in quanto tali, ma come utenti, è fortissimo. (E sia chiaro come non sono contrario al concetto di UX in quanto tale, tant'è che nelle fonti che ho raccolto sono proprio i designer a fare questa riflessione). 

Ma quanto la questione sia calda in ambito educativo lo si capisce subito dallo scontro che si registra sul web fra "utilitaristi" (la scuola deve formare a entrare nel mercato economico) e "tradizionalisti" (proseguiamo come abbiamo sempre fatto).

Io personalmente sto nel mezzo. 

Cresciamo persone. Anzi, educhiamo persone. 

 Perché lo scopo della vita non è essere solo utili al sistema economico produttivo, ma anche guardare le cose in modo diverso, per esempio grazie a "un'inutile" poesia di Ungaretti. 

Al contempo la scuola non può essere avulsa da quello che sta succedendo intorno. Non si possono mandare i ragazzi fuori dalle scuole impreparati, senza gli strumenti giusti. 

 Quindi persone, non utenti.

  • Share